Simone Pappalardo

Work Simone Pappalardo

Simone Pappalardo propone un workshop concentrato sull’uso dell’elettromagnetismo per creare suoni, controller e strumenti musicali interattivi. Durante il workshop verrano progettati e realizzati alcuni strumenti di elettronica povera, basati sull’elettromagnetismo e sul feedback elettromagnetico, recuperando componenti e parti da oggetti di uso comune, elettrodomestici non più funzionanti, radio etc. Il feedback elettromagnetico può creare onde sonore complesse e forme non convenzionali di sintesi del suono, che possono essere integrate in sistemi interattivi e/o usati al fine compositivo. Il workshop avrà come naturale punto di arrivo una performance collettiva dal titolo “Fields” in cui una piccola orchestra di strumenti elettronici autocostruiti esegue una conduction, una improvvisazione pilotata da segni prestabiliti. Il workshop sarà diviso in due parti:

1. Generazione di timbri attraverso campi elettromagnetici in feedback
Progetto di alcuni dei principali effetti analogici, controller e circuiti audio che usano i campi elettromagnetici. Realizzazione di alcuni di questi circuiti partendo da oggetti di uso comune dismessi (radio, motori, lampadine a basso consumo, casse acustiche e qualunque cosa abbia dei componenti e/o del filo di rame smaltato). Verranno discussi e implementati circuiti per generare onde elettromagnetiche complesse e loro trasduzione acustica, l’uso di Arduino rispetto ai campi elettromagnetici, e costruiti alcuni dispositivi: kazoo elettromagnetico, electromagnetic feedback network synth, electromagnetic feedback network radio, no-output mixer (un sommatore elettromagnetico), circuiti trasduttori.

2. Preparazione della performance Fields
Introduzione al contesto timbrico e al vocabolario di suoni e di segni tecniche di improvvisazione

“Fields. Conduction per strumenti elettronici, suoni da oggetti residuali e campi elettromagnetici. Fields è uno studio sul timbro di oggetti elettronici residuali e di interferenze elettromagnetiche. Fields è una piccola orchestra costituita partendo da suoni “scarto”, interferenze di varia natura e oggetti elettronici riciclati e reinventati. I timbri di questi oggetti residuali scaturiscono tutti dall’invisibile mondo dei campi elettromagnetici. Un organico di musicisti, costruttori del proprio stru- mento, è coordinato dal vivo secondo una tecnica gestuale di improvvisazione pilotata (conduction). I gesti codificati per questa conduction sono pensati appositamente per gli strumenti impiegati nella performance.”

Durante ogni fase del workshop la teoria e la pratica saranno fortemente connesse, in un clima di scambio reciproco di conoscenze.

Per partecipare al workshop portare un computer con Max/MSP installato e alcuni oggetti elettronici dismessi come motorini elettrici, lampadine a basso consumo anche esaurite, vecchi alimentatori e qualunque altra cosa da cui si possano ricavare componenti elettronici e fili di rame smaltati.

Il workshop si concluderà con un performance presso Superbudda, ad ingresso libero e gratuito.

Il workshop è preceduto da una conferenza a ingresso libero in cui Simone Pappalardo discuterà il suo lavoro di artista dal punto di vista estetico e tecnologico.


Sedi

Conferenza: Aula Magna del Rettorato, via Verdi 8, Torino.

Workshop: Conservatorio “G. Verdi” di Torino, Aula 40, via San Francesco da Paola 27, Torino.

Performance: Superbudda, via Valprato 68, Torino.

Calendario

• Mercoledì 16/12/2015

14-16: Conferenza (Aula Magna del Rettorato)

17-18.30 workshop (Aula 40).

• Giovedì 17/12/2015

10-13 e 14-18 workshop (Aula 40).

• Venerdì 18/12/2015

10-13: workshop (Aula 40)

15-18: preparazione performance (Superbudda) – 21: performance (Superbudda)


Partecipazione

Il workshop è rivolto agli studenti del Conservatorio di Torino, del Dams di Torino, di Ingegneria del Cinema e dei Mezzi di Comunicazione del Politecnico di Torino, e ad esterni in funzione dei posti disponibili. Il numero degli iscritti attivi è limitato a 20. Eventuali uditori saranno ammessi in funzione della capienza dei locali. La conferenza è a ingresso libero. La performance conclusiva presso Superbudda è ad ingresso libero e gratuito.

Iscrizione

Inviare una richiesta con un breve cv a andrea.valle@unito.it entro l’11/12/2015.

Ulteriori informazioni: formazione@officinesintetiche.it


Simone Pappalardo (vimeo.com/user10515354) si è diplomato in musica elettronica presso il Conservatorio Santa Cecilia di Roma. Da anni crea composizioni elettroniche e installazioni sonore interattive. Attualmente è docente di Composizione musicale elettroacustica presso il Conservatorio de L’Aquila e di Informatica musicale presso il Conservatorio di Latina.

Sue opere sono state eseguite ed allestite in molti festival internazionali: festival Musicacoustica di Pechino, Accademia di Romania, Accademia Americana durante varie edizioni del festival di Nuova Consonanza, Museo Macro di Roma, Teatro del Globo di Buenos Aires, Artefiera, Emufest, Museo collezione Manzù di Ardea, Auditorium Parco della Musica di Roma, MAXXI Museo delle Arti del XXI Secolo, festival Digital Life della fondazione Romaeuropa, Museo Macro. Con la composizione Hyde, per pianoforte preparato sollecitato da impulsi elettromagnetici ha vinto una menzione speciale al Premio nazionale delle Arti.

Officine Sintetiche – Interactive Media Art e Creatività Digitale – presenta nel 2015 un ciclo di conferenze, workshop e dimostrazioni di grande prestigio realizzate grazie al contributo della Fondazione CRT, al sostegno del Dipartimento Studi Umanistici, del Dams e del CIRMA di Torino (Università degli Studi di Torino) e alla collaborazione con Ingegneria del Cinema e dei Mezzi di Comunicazione (Politecnico di Torino) e con il Con- servatorio di Torino.